Domande/curiosità sul natale dai ragazzi dell'ActiGroup

Spazio dedicato ai Catechisti, Educatori e Animatori

Domande/curiosità sul natale dai ragazzi dell'ActiGroup

Messaggioda Marco Mala » 17 dicembre 2011 14:33

:arrow: Perché Natale è il 25 dicembre :?:
:arrow: Chi è la befana :?:
:arrow: Si chiama Gesù o Cristo :?:
:arrow: Cosa simboleggiano i doni dei re Magi :?:
:arrow: Perché a Natale è tradizione scambiarsi i regali :?:
:arrow: Se Gesù non si sacrificava cosa succedeva :?:
:arrow: Ci sono prove storiche non cristiane dell'esistenza di Gesù :?:
:arrow: Cosa videro i re Magi? Cos’è la stella di Betlemme :?:

Queste sono alcune delle domande che i ragazzi dell'ActiGroup ci hanno fatto durante l'incontro di natale. La maggior parte sono curiosità, la risposta non si sa con esattezza e, secondo me, non è necessario saperla, le cose importanti sono altre; comunque abbiamo cercato un pò e trovato queste risposte, che sono "possibili" risposte, forse le più probabili, ma ci sono anche altre ipotesi (come nel caso della stella cometa per esempio).

Perché Natale è il 25 dicembre?
La data di nascita di Gesù non si conosce. La Chiesa stabilì di festeggiare la nascita di Gesù il 25 dicembre perchè, nell'antica Roma, in quella data, si festeggiava la festa del dio Mitra (Dio del Sole).

Chi è la befana?
Secondo un racconto popolare, i Re Magi, diretti a Betlemme per portare i doni a Gesù Bambino, non riuscendo a trovare la strada, chiesero informazioni ad una vecchia.
Malgrado le loro insistenze, affinché li seguisse per far visita al piccolo, la donna non uscì di casa per accompagnarli. In seguito, pentitasi di non essere andata con loro, dopo aver preparato un cesto di dolci, uscì di casa e si mise a cercarli, senza riuscirci.
Così si fermò ad ogni casa che trovava lungo il cammino, donando dolciumi ai bambini che incontrava, nella speranza che uno di essi fosse il piccolo Gesù.
Da allora girerebbe per il mondo, facendo regali a tutti i bambini, per farsi perdonare.

Si chiama Gesù o Cristo?
Gesù e Cristo sono ovviamente la medesima persona. In particolare Cristo è uno degli attributi che viene dato a Gesù. Infatti deriva dal greco christòs, che traduce l'ebraico mashiah (cioè messia, salvatore) che significa l'Unto, il Consacrato. E' un titolo che riflette il ruolo di Gesù, cioè il messia, il salvatore.

Cosa simboleggiano i doni dei re Magi?
L'incenso, che veniva usato nel tempio, indica il sacerdozio di Gesù; l'oro ne indica la regalità; la mirra, usata nella preparazione dei corpi per la sepoltura, indica l'espiazione dei peccati attraverso la morte.

Perché a Natale è tradizione scambiarsi i regali?
Il personaggio di Babbo Natale, che viene chiamato, a seconda delle tradizioni, con molti altri nomi (ad esempio: Santa Claus, Joulupukki, San Nicola, Kris Kringle, Died Maroz, Djed Božicnjak, ecc.) è una figura mitica presente nel folklore di molte culture che distribuisce i doni ai bambini, di solito, la sera della vigilia di Natale.
Tutte le versioni del Babbo Natale moderno derivano dallo stesso personaggio storico, il vescovo San Nicola di Mira della città di Myra (antica città dell'odierna Turchia), di cui si racconta che fosse solito fare regali ai poveri.

Se Gesù non si sacrificava cosa succedeva?
Con la morte in croce di Gesù, Dio è diventato più “vicino” agli uomini perché ha sofferto come noi. Se Gesù non si sacrificava non ci sarebbe stata la nostra religione, non ci sarebbe il Cristianesimo.

Prove storiche non cristiane dell’esistenza di Gesù:
Cornelio Tacito si dedicò con gran scrupolo alla raccolta di informazioni e notizie, utilizzando non solo fonti letterarie, ma anche documentarie. Riportando la decisione dell'imperatore Nerone di riversare sui Cristiani la colpa dell'incendio che distrusse Roma nel 64 d.C., Tacito scrisse: "Nerone si inventò dei colpevoli e sottomise a pene raffinatissime coloro che la plebaglia, detestandoli a causa delle loro nefandezze, denominava cristiani. Origine di questo nome era Christus, il quale sotto l'impero di Tiberio era stato condannato all'estrema condanna dal procuratore Ponzio Pilato" (Tacito, Annali XV, 44).
Giuseppe Flavio, uno storico giudeo-romano del primo secolo (nacque nel 37 d.C.), che fu prima delegato del Sinedrio e governatore della Galilea, ed in seguito consigliere al servizio dell'imperatore Vespasiano e di suo figlio Tito scrisse in un’ opera, conosciuto come "Testimonium Flavianum", (libro 18, capitolo 3, paragrafo 3): "Ci fu verso questo tempo Gesù, uomo saggio, se è lecito chiamarlo uomo: era infatti autore di opere straordinarie, maestro di uomini che accolgono con piacere la verità, ed attirò a sé molti Giudei, e anche molti dei greci. Questi era il Cristo. E quando Pilato, per denunzia degli uomini notabili fra noi, lo punì di croce, non cessarono coloro che da principio lo avevano amato. Egli infatti apparve loro al terzo giorno nuovamente vivo, avendo già annunziato i divini profeti queste e migliaia d'altre meraviglie riguardo a lui. Ancor oggi non è venuta meno la tribù di quelli che, da costui, sono chiamati Cristiani" (Giuseppe Flavio, Antichità XVIII, 63-64).
In sintesi: Primo, sia Giuseppe Flavio che Luciano riconoscono che Gesù era un saggio. Secondo, Plinio, il Talmud, e Luciano, implicano che Egli era un insegnante potente e riverito. Terzo, sia Giuseppe che il Talmud indicano che Egli compì opere miracolose. Quarto, Tacito, Giuseppe, il Talmud, e Luciano, menzionano tutti il fatto che Egli fu crocifisso. Tacito e Giuseppe dichiarano che ciò avvenne sotto Ponzio Pilato. E il Talmud dichiara che il periodo era quello della vigilia della Pasqua ebraica. Quinto, ci sono possibili riferimenti alla risurrezione di Gesù sia negli scritti di Tacito che in quelli di Giuseppe. Sesto, Giuseppe racconta che i seguaci di Gesù credevano che Egli fosse il Cristo, cioè il Messia. E infine, sia Plinio che Luciano indicano che i Cristiani adoravano Gesù come Dio.
Rendiamoci conto di come anche prendendo in considerazione alcuni degli antichi scritti non cristiani, le verità su Gesù riportate nei Vangeli sono da essi avvalorate e confermate. Naturalmente, oltre alle fonti non cristiane ve ne sono anche innumerevoli Cristiane, come conseguenza della conversione di tanti a ciò che era ed è più che semplicemente un fatto storico.
Dato però che l'affidabilità storica dei Vangeli canonici è così saldamente stabilita, e che tramite essi innumerevoli persone hanno conosciuto Gesù personalmente nella loro vita, vi invito a leggere direttamente i Vangeli per avere un resoconto autorevole della vita di Gesù, e più ancora, per conoscerLo personalmente nella vostra vita!

Cosa videro i re Magi? Cos’è la stella di Betlemme?
Per Stella di Betlemme, impropriamente detta stella cometa, si intende il fenomeno astronomico che, secondo il racconto del Vangelo di Matteo (2,1-12.16), guidò i Magi a fare visita a Gesù. Questo fatto sarebbe avvenuto entro breve tempo dalla nascita di Gesù, che la maggior parte degli storici colloca tra il 7 e il 4 a.C. Nell'iconografia antica della nascita di Gesù la stella non è rappresentata con la coda. Fu Giotto, che probabilmente aveva visto la cometa di Halley nel 1301, a dipingere un affresco con una cometa dalla lunga coda sopra il luogo del presepe. Tra tutte le ipotesi possibili, quella della congiunzione planetaria è la più probabile: Keplero per primo segnalò che nel 7 a.C. vi fu una tripla congiunzione di Giove, Marte e Saturno nella costellazione dei Pesci. Un simile evento era in effetti sotto gli occhi di tutti ma poteva avere qualche preciso significato solo per dei "Magi", ovvero astronomi-astrologi in grado di riconoscere in cielo simboli precisi. Giove era il simbolo della "regalità" e della "divinità". Saturno era il simbolo della "giustizia". La parte centrale della costellazione dei Pesci era il simbolo della "casa di Davide" e quindi di Israele. La congiunzione era inoltre inizialmente visibile ad oriente, dove sorge il Sole e quindi dove ogni giorno sembra "nascere" la luce. L'avvenimento poteva allora essere interpretato come: “Un nuovo Re di giustizia sta nascendo in Israele”, proprio ciò che i re Magi avevano dedotto osservando il cielo.
Fonte: http://www.pd.astro.it/othersites/comet ... agina1.htm
Immagine


Ultimo bump di Marco Mala effettuato il 17 dicembre 2011 14:33.
Avatar utente
Marco Mala
Site Admin
 
Messaggi: 834
Iscritto il: 18 settembre 2006 22:36
Località: L'isola che non c'è

Link sponsorizzati

Link sponsorizzati

Torna a CatEducAnimatori

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Parrocchiando su Facebook
cron